venerdì

Published 22:39 by CP

II CONGRESSO SPI CGIL FROSINONE LATINA

Si è concluso ieri, dopo 2 giorni di intenso dibattito e di contributi tematici di ospiti istituzionali di spessore, il II Congresso dello SPI CGIL di Frosinone Latina, che si è celebrato alle Terme di Pompeo a Ferentino, con la riconferma alla guida della Categoria - che rappresenta quasi 30.000 iscritti nelle due province di riferimento - nel ruolo di Segretaria Generale di Beatrice Moretti e la riconferma della segreteria composta da Massimo Terracciano e Maria Restituta Rotondi.

La relazione introduttiva di Beatrice Moretti ha ricordato il compito del Sindacato, che è prima di tutto quello di unire, cioè quanto ha fatto la CGIL, iniziando il suo percorso congressuale con un documento costruito “dal basso”, che non ha precedenti nella storia della CGIL e che comunque ha garantito la possibilità di presentare un documento alternativo. Un percorso democratico che ha visto lo SPI CGIL Frosinone Latina svolgere - attraverso il lavoro delle Leghe sul territorio – ben 84 assemblee di base, che hanno coinvolto più del 52 % di votanti sul totale degli iscritti.

Si tratta di dati che dimostrano la solidità dello SPI CGIL e la mole di lavoro messo in campo: un risultato straordinario, perché “siamo stati in grado di coinvolgere tantissime persone in un contesto generale di progressiva perdita di speranza nel futuro”, ha dichiarato Beatrice Moretti. “Ci siamo
riusciti evidentemente non solo perché abbiamo parlato delle nostre tesi, ma anche perché abbiamo saputo ascoltare i problemi che vivono gli anziani e le proposte di chi rappresentiamo”.

Il contesto in cui si è celebrato il Congresso del sindacato dei pensionati della CGIL è quello in cui il Governo giallo – verde ha definito i contorni della manovra economica 2019 e il rischio più serio per la Categoria è la messa in tensione dell’intero sistema previdenziale, se davvero in 400 mila - come sostiene Salvini – dovessero approfittare della quota 100, a cui si affianca la promessa impossibile di almeno altrettante assunzioni di giovani, delineando un paese che non riesce ad aumentare il proprio benessere senza trasferire debito alle future generazioni.



L’unità sindacale è un valore che deve qualificare ed estendere la nostra capacità di negoziazione unitaria nel territorio, in primis rispetto al tema della Sanità. Il Congresso è però anche un momento di bilanci politici delle attività realizzate: in questi anni sono state tante le manifestazioni e le iniziative che lo Spi Cgil di Frosinone Latina ha realizzato su tanti temi, coinvolgendo anche le scuole: il coinvolgimento delle nuove generazioni è stata una sana ossessione, come è stato dimostrato anche in una memorabile iniziativa sulla pace presso l’Abbazia di Montecassino ad aprile scorso.

Negli scorsi anni sono stati avviati tanti progetti che impegnano la Segreteria e tutto il nuovo gruppo dirigente dello SPI CGIL di Frosinone Latina e che hanno tutti una direzione di crescita, perché “bisogna sempre saper gettare il cuore oltre l’ostacolo”.

La segreteria SPI CGIL FROSINONE LATINA

Guarda la galleria fotografica completa al seguente link