venerdì

Published 23:37 by CP

PEDRETTI RICONFERMATO ALLA GUIDA DEI PENSIONATI SPI CGIL

Ivan Pedretti è stato riconfermato alla guida dello Spi, il Sindacato dei pensionati della Cgil.
Ad eleggerlo con il 90% dei consensi l’Assemblea generale che si è riunita in conclusione dei lavori del Congresso nazionale che si è tenuto dal 9 gennaio al Lingotto di Torino e a cui hanno partecipato oltre 700 delegati e delegate da tutta Italia.

“Evitiamo di arrivare a Bari divisi e di fare la conta”, ha detto Pedretti chiudendo il Congresso in vista di quello della Cgil nazionale che si terrà dal 22 al 25 gennaio a Bari. “La democrazia - ha continuato- ci può aiutare. Non dobbiamo avere paura. Chi si candida a governare la Cgil deve poterla guardare in faccia. Ai due candidati dico ‘provateci’ perché è utile per tutti. C’è ancora uno spazio per arrivare ad una soluzione unitaria e io sono per ricercarla”.


Alcuni momenti dei Compagni dello SPI CGIL Frosinone Latina al Congresso nazionale.







CONTINUA QUI

domenica

Published 01:09 by CP

PRESIDIO SPI PRESSO LA PREFETTURA DI FROSINONE, DOCUMENTO CONTRO LA MANOVRA ECONOMICA

Frosinone, 28 dicembre 2018 - Ancora una volta la Legge di bilancio fa cassa con chi ha fatto anni di sacrifici e oggi potrebbe godersi la propria pensione. Nonostante i roboanti proclami del Governo in materia di pensioni, nella manovra economica non c’è nulla per i pensionati.

Infatti nel provvedimento di bilancio ci sono risparmi di spesa per oltre 2,5 miliardi di euro nei prossimi anni. Altro che Governo del cambiamento!

I pensionati di SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL sono scesi in piazza il 28 dicembre per esprimere tutto il loro dissenso contro la “manovra del popolo” che chiede soldi al popolo” a partire dalle ore 10:00 in contemporanea a Frosinone, Latina, Rieti, Viterbo e Roma: presìdi  e volantinaggi di fronte alle Prefetture e nelle Piazze principali delle Città.

Il Governo si appresta a varare una manovra che non prevede la rivalutazione delle pensioni sopra i 1.522 euro. Dalle simulazioni si evince infatti come le pensioni che hanno importi 5 volte il minimo perderanno 60 € l’anno e quelle 6 volte il trattamento minimo perderanno oltre 167 € l’anno.

Contemporaneamente però il Governo fa un grosso regalo di Natale a chi negli anni passati non ha pagato le tasse o le ha evase, varando il “saldo e stralcio” delle cartelle fiscali.

SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL chiedono al Parlamento di modificare tali previsioni e contemporaneamente di varare norme di civiltà ed equità, come l’eliminazione dei super ticket nella sanità, una Legge nazionale per la non autosufficienza e un paniere dei consumi su cui misurare la rivalutazione delle pensioni tarato sui veri consumi degli anziani.
A Frosinone una delegazione dello SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL - composta dai rispettivi segretari generali delle categorie dei pensionati: Beatrice Moretti, Antonio Angelucci ed Emilio Lucidi, nonché da Enrico Capuano, Segretario Generale della CISL di Frosinone - è stata ricevuta da S.E. il Prefetto, Dott. Ignazio Portelli, a cui hanno chiesto di rappresentare le loro istanze al Governo, affinché vengano introdotti i correttivi unitariamente richiesti.

I Segretari dei Pensionati hanno consegnato al Prefetto di Frosinone un documento unitario da cui si evince come la manovra che il Governo si sta apprestando a votare sia una manovra recessiva, che aumenta le tasse e diminuisce gli investimenti, rappresentando una misura che colpisce in particolare le fasce deboli ed il ceto medio, con ricadute pesantissime per una provincia già in profonda crisi come la nostra. Il Prefetto ha dimostrato grande attenzione alle istanze sindacali, confrontandosi con le OO.SS. sulle difficoltà e specificità del territorio frusinate, impegnandosi ad inoltrare al Governo Nazionale il documento unitario ricevuto.
SPI CGIL Beatrice Moretti - FNP CISL Antonio Angelucci  - UILP UIL Emilio Lucidi


CONTINUA QUI

sabato

Published 01:17 by CP

RESOCONTO INCONTRO DELEGAZIONE SEGRETARI SPI FNP UILP CON IL VICE PREFETTO DI LATINA

Latina, 28 dicembre 2018 - Nel corso del presidio che si è tenuto stamane in piazza della Libertà a Latina una delegazione dello SPI CGIL – FNP CISL – UILP UIL composta da rispettivamente Raffaele D’Ettorre, Giulio Morgia, Lino Bucci, Umberto Coco, Pino Di Prospero, Francesca Salvatore, Carlo Pezzoli è stata ricevuta dal Vice Prefetto Dott. Talani. 

La delegazione di SPI FNP UILP ha illustrato il documento unitario dei pensionati da cui si evince come la manovra che il Parlamento si sta apprestando a votare sia una manovra recessiva che aumenta le tasse, diminuisce gli investimenti e soprattutto è un provvedimento che non redistribuisce ricchezza alle fasce deboli e al ceto medio.

Infatti non vi è la piena rivalutazione delle pensioni sopra i 1.522 €, non vi sono provvedimenti volti a diminuire l’enorme carico fiscale che pesa soprattutto sui pensionati e lavoratori dipendenti i quali versano il 90% del gettito IRPEF.

Tra l’altro prossimo anno si profila all’orizzonte un aumento dell’IVA pari a 23 miliardi di euro che rischia di avere un impatto forte soprattutto per chi vive con redditi bassi deprimendo i consumi interni con il risultato di non far crescere il nostro paese e di far diminuire l’occupazione.

I Segretari di SPI FNP UILP Territoriali di Latina hanno fatto, altresì, presente al Vice Prefetto come lo stralcio e saldo delle cartelle fiscali presente nella manovra di bilancio premia ancora una volta gli evasori e non chi come i pensionati fanno il proprio dovere di contribuenti virtuosi.

I Segretari dei pensionati di SPI FNP UILP hanno fatto presente al Vice Prefetto che i pensionati ritengono non più rinviabile una legge nazionale per la non autosufficienza e un paniere ad hoc per la rivalutazione delle pensioni tarato sui consumi reali degli anziani.

Il Vice Prefetto si è impegnato di consegnare al Prefetto il documento di SPI FNP UILP per inoltrarlo al Governo Nazionale.

SPI CGIL Beatrice Moretti - FNP CISL Umberto Coco - UILP UIL Francesca Salvatore
  
Al seguente link è possibile visionare il documento ufficiale consegnato al Prefetto di Latina

CONTINUA QUI

venerdì

Published 07:38 by CP

SPI CGIL FROSINONE LATINA PRESIDI PRESSO LE PREFETTURE CONTRO LA MANOVRA DEL GOVERNO

"Continua la vessazione dei pensionati. In tre anni la manovra del Governo sottrae 2,5 miliardi di euro dalle tasche dei pensionati intervenendo nuovamente sull'adeguamento delle pensioni all'inflazione. Ora diciamo basta!": parole di Beatrice Moretti, segretario generale SPI CGIL Frosinone Latina, di Antonio Angelucci, segretario generale FNP CISL di Frosinone, e di Emilio Lucidi, segretario generale UILP UIL di Frosinone.
"I pensionati - aggiungo i tre segretari - faranno sentire la propria voce per denunciare l'ipocrisia di questo Governo che con una mano sembrerebbe dare ma con l'altra certamente toglie. Pur essendo un periodo di festività, le strutture di SPI CGIL, FNP CISL e UILP UIL cominceranno quindi a manifestare davanti a tutte le prefetture d'Italia".

A Frosinone e Latina, venerdì 28 dicembre dalle ore 10:00 alle 13:00, le Categorie confederali dei Pensionati hanno organizzato un presidio unitario davanti la sede della Prefettura di Frosinone in Piazza della Libertà e della Prefettura di Latina in Piazza della Libertà, per protestare contro la manovra di bilancio che il Governo si appresta a varare e che non prevede la rivalutazione delle pensioni sopra i 1.522 euro.

Fonte "L'Inchiesta"













CONTINUA QUI

sabato

Published 08:11 by CP

28 DICEMBRE PRESIDIO A FROSINONE CONTRO LA MANOVRA DI BILANCIO

Frosinone, 22 dicembre 2018 - Le scriventi OO.SS. SPI CGIL,  FNP CISL e UILP UIL hanno organizzato per il giorno  venerdì 28 dicembre 2018 dalle ore 10:00 alle ore 13:00 un presidio, in Piazza della Libertà 14 a Frosinone per manifestare il proprio dissenso contro le norme previste nella manovra di bilancio che non prevedono la piena rivalutazione delle pensioni.

Al presidio è prevista la partecipazione di circa 100 persone con striscioni e bandiere. Si richiedono le autorizzazioni necessarie. 
In attesa di un vostro cortese riscontro si porgono cordiali saluti.

SPI CGIL Beatrice Moretti - FNP CISL Antonio Angelucci - UILP UIL Emilio Lucidi 
CONTINUA QUI
Published 08:02 by CP

MANOVRA, SINDACATI: GOVERNO NON FACCIA CASSA CON I PENSIONATI

"Il governo non faccia cassa con i pensionati andando a rimettere le mani sul sistema di rivalutazione penalizzando così milioni di persone".

A denunciarlo sono i Segretari generali dei Sindacati dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil Ivan Pedretti, Gigi Bonfanti e Romano Bellissima facendo riferimento alla volontà dell'esecutivo di modificare in legge di bilancio il meccanismo di indicizzazione delle pensioni.

"Sarebbe un atto di imperio - continuano i tre sindacalisti - insopportabile e profondamente ingiusto nonché un clamoroso passo indietro rispetto agli impegni assunti dal precedente governo che aveva stabilito il ritorno dal 1 gennaio 2019 ad un meccanismo di rivalutazione che fosse in grado di tutelare il potere d'acquisto dei pensionati italiani".

"Quello che si profila - concludono i Segretari di Spi, Fnp e Uilp - non è altro che l'ennesimo furto alle pensioni medio-basse. Già altri governi in questi anni hanno seguito questa strada. Non vediamo pertanto quel tanto sbandierato cambiamento ma il reiterarsi di decisioni sbagliate e punitive verso una fascia di popolazione che avrebbe piuttosto bisogno di essere aiutata e sostenuta.

Qualora fosse confermato questo intervento non staremo di certo fermi a guardare ma ci mobiliteremo".
CONTINUA QUI
Published 02:00 by CP

28 DICEMBRE PRESIDIO A LATINA CONTRO LA MANOVRA DI BILANCIO

Latina, 21 dicembre 2018 - Le scriventi OO.SS. SPI FNP UILP hanno organizzato per il giorno 28 dicembre dalle ore 10 alle ore 13 un presidio a Latina in Piazza della Libertà per manifestare il proprio dissenso contro le norme previste nella manovra di bilancio che non prevedono la piena rivalutazione delle pensioni.

Si richiedono le autorizzazioni necessarie. 
In attesa di un vostro cortese riscontro si porgono cordiali saluti.

SPI CGIL Beatrice Moretti - FNP CISL Umberto Coco - UILP UIL Francesca Salvatore


CONTINUA QUI

martedì

Published 01:51 by CP

VERBALE DI ACCORDO CON IL COMUNE DI CORI

In data 10 dicembre 2018 tra il Comune di Cori rappresentato dal Sindaco Dr. Mauro Primio De Lillis e l'Assessore al Bilancio Dott.ssa Simonetta Imperia e le OO.SS. confederali e dei pensionati di CGIL CISL UIL, SPI CGIL, FNP CISL e UIL Pensionati, dopo ampio approfondimento dei contenuti del bilancio consuntivo 2018 e preventivo 2019, 2020 2 2021 si è concordato quanto segue:

  1. Lotta all'evasione ed esclusione fiscale: le parti condividono la necessità della messa in atto di un piano straordinario di recupero dell'evasione tributaria con particolare rifermento all'IMU, TARI, Locazione immobiliare etc. A tale riguardo entro il 31 dicembre 2018 l'Amministrazione Comunale sarà in  grado di predisporre una anagrafe tributaria con i dati relativi alla reale quantità delle somme non riscosse e metterà in atto un programma di interventi atti a sensibilizzare i contribuenti (anche attraverso forme di rateizzazione) per il recupero delle spettanze non pagate e da corrispondere al Comune. Inoltre, le Parti, concordano di mettere in atto un piano straordinario  di compartecipazione del Comune alla lotta alla evasione ed elusione fiscale dei tributi nazionali e regionali Parte dei proventi evasi e recuperati saranno destinati per i servizi ai cittadini non autosufficienti e per gli anziani. A tale fine il Comune aderirà al Protocollo di Intesa con l'Agenzia delle Entrate.
  2. RIDUZIONE IRPEF:a fronte della quantificazione delle quote del gettito fiscale recuperato ed in virtù degli impegni assunti con le OO.SS. il Sindaco e l'Assessore del Bilancio si impegnano, per gli anni 2019, 2020 e 20121 a predisporre delibera di riduzione delle aliquote IRPEF dallo 0,8% allo 0,7% per lo scaglione di reddito annuo fino a €15.000, a partire dal 01.01.2019. Pertanto saranno esclusi ulteriori aumenti dell'Irpef per gli anni sopra citati.
  3. Censimento immobili locali: al fine di incentivare la registrazione dei contratti di affitto l'Amministrazione comunale si impegna a concordare con le Associazioni degli Inquilini una intesa che prevede forme di incentivi (canone concordato e riduzione aliquota IMU) sia per i conduttori che per i proprietari id immobili, attraverso il ricorso alle leggi vigenti. Nello stesso tempo  sarà completata la anagrafe degli immobili liberi e/o in locazione.
  4. INVESTIMENTI  PUBBLICI: relativamente agli investimenti pubblici previsti nel Piano triennale allegato al Bilancio Comunale il Sindaco precisa che sono in atto anche i seguenti progetti: Centro Sociale Anziani, convenzione per manutenzione giardino località Insito; Riqualificazione Piazza Signina; Riqualificazione Fosso Catena e Via delle Rimesse €4,5 milioni; Giulianello: riqualificazione Parco Verde-Azzurro; Giulianello: riqualificazione Doganale Lago di Giulianello; Cimiteri Cori e Giulianello: bonifica e manutenzione ordinaria; Altri importanti investimenti che riguardano l'interno territorio (strada, pavementazioni nel centro storico etc.).
  5. PUNTO di Primo Intervento: le Parti condividono la necessità di evitare la chiusura del P.P.I. e a tale riguardo programmeranno, se necessarie, ulteriori iniziative pubbliche.
Il presente accordo prevede una prima verifica entra il mese di giugno 2019.
CONTINUA QUI

lunedì

Published 10:53 by claudio

POLIZIA A SINDACALISTI:"TOGLIETE LE BANDIERE", LA CGIL NON CI STA!

Modi bruschi, strattoni, intimidazioni verbali. Così, lo scorso primo dicembre in occasione della manifestazione cittadina, promossa tra gli altri da CGIL Roma e Lazio, alcuni agenti di polizia che presidiavano l'Altare della Patria a Roma, hanno intimato di "togliere di mezzo le bandiere" ad un gruppo di sindacalisti che si dirigeva verso il pullman per fare rientro a Frosinone.

L'accaduto già grave di per se, denuncia una situazione e un clima preoccupanti, un voler limitare il più possibile la libertà di espressione di tutti quelli che non sono allineati con le scelte del governo ed il suo operato; intollerabile per la CGIL che tutto questo sia perpetrato anche attraverso la forza e l'intimidazione.


Di seguito il video che raccoglie alcune testimonianze dirette dell'accaduto.

CONTINUA QUI